Grande ritorno del concorso dedicato alla premiazione del miglior vigneto di Marzemino, con una importante novità: un corollario di iniziative pensate per enoappassionati e winelovers, in programma da venerdì 27 a domenica 29 ottobre a Isera.

Per la XVI edizione del concorso volto a premiare il vigneto più curato, presentata oggi in conferenza stampa a Palazzo Roccabruna, il Comune di Isera, con il supporto della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino nell’ambito del coordinamento delle manifestazioni enologiche provinciali, ha voluto portare l’evento per le vie della Città del Vino organizzando una serie di iniziative volte a promuovere a 360 gradi Isera e il prodotto simbolo del territorio, il Marzemino.

La volontà – ha spiegato Federico Rosina, assessore al turismo del Comune di Iseraè quella di rendere questa kermesse un’attrattiva turistica per tutti coloro che visitano il nostro territorio attraverso iniziative ed esperienze che coinvolgono gli operatori di agricoltura e turismo. Non a caso l’idea è nata proprio nell’ambito di un tavolo sul turismo istituito dal consiglio comunale con l’obiettivo di promuovere le eccellenze di Isera”.

Tra i tanti sostenitori, la Provincia Autonoma di Trento. “La grande importanza di una manifestazione come “La Vigna eccellente” – ha detto l’assessore provinciale all’agricoltura Michele Dallapiccolaè quella di valorizzare ed implementare la riconoscibilità dei marchi autoctoni e delle varietà che sono adatte al clima e alla coltivabilità delle nostre zone. Accanto a questo ragionamento identitario – ha aggiunto Dallapiccola – grazie alle tante manifestazioni enologiche organizzate sul territorio, riusciamo a sviluppare il prodotto non solo dal punto di vista commerciale, ma anche dal punto di vista culturale, con un conseguente ed ulteriore valore legato al turismo. Dobbiamo perciò ragionare su come captare i sei milioni di ospiti che ogni anno visitano il Trentino, tenendo conto anche degli investimenti a 6 zeri che la Provincia mette in campo per la promozione. Questa è la vera sfida su cui confrontarci“.

E sarà proprio Michele Dallapiccola ad inaugurare la manifestazione con il convegno “Agricoltura e Trentino: prospettive e innovazione“, in programma venerdì 27 ottobre, alle ore 17.00, presso la Cantina di Isera, a cui seguirà, alle ore 19.00, una speciale degustazione di lumache e Marzemino e, alle  ore 20.30, presso la Locanda delle Tre Chiavi, “La Georgia in tavola“, viaggio culinario alle origini del Marzemino.

Abbiamo subito creduto a questo progetto – ha affermato Francesco Antoniolli, presidente della Strada del Vino e dei Sapori del Trentinopoiché rappresenta un’occasione di promozione importante non solo per la Vallagarina ma, in generale, per tutto il Trentino. Per questo, vogliamo contribuire a rendere quest’evento un punto di riferimento per il Marzemino, vitigno autoctono testimonial del nostro territorio”.

Tornando al programma, sabato 28 ottobre appuntamento dalle 10.00 alle ore 13.00 presso l’Azienda Agricola Conti Bossi Fedrigotti, a Maso Fojaneghe, per una passeggiata didattica nei vigneti storici della tenuta con degustazione finale. Dalle ore 15.00 alle ore 19.00, sono invece previsti i wine tasting presso Palazzo de Probizer, con banchi di assaggio di 24 Marzemino del Trentino, messi a disposizione da 17 cantine, e di una selezione di 10 vini in anfora, per richiamare le tradizioni georgiane, dove si faceva riposare il vino nelle anfore interrate, come illustrerà il documentario Archevitis di Nereo Pederzolli, proiettato a ciclo continuo nella sala. In abbinamento alle degustazioni, assaggi di prodotti del territorio proposti da Panificio Moderno, Caseificio Sociale di Sabbionara e Azienda Agricola Biologica Debiasi Stefano.

Alle ore 15.00 e alle ore 17.00, presso l’Aula Gialla dell’ex Scuola Elementare, sono in programma “Fai il tuo Canederlo” e “I prodotti trentini incontrano…Isera con Dina la Contadina“, laboratori gratuiti rivolti ai più piccoli a cura di Slow Food e Stefania De Carli e, in contemporanea, le performance di teatro itinerante “Sapere di vino o Che Sapore di vino”, a cura della compagnia Koinè: un percorso a tappe lungo alcuni punti simbolici del borgo che diventeranno inedito palcoscenico di episodi dedicati alla storia del Marzemino.

A completare il pomeriggio, due appuntamenti in cantina: “Birra, Grappa e Marzemino“, dalle 15.00 alle 19.00 presso la Cantina de Tarczal, che proporrà degustazione di birra di Klanbarrique e grappa di Marzemino della Distilleria Marzadro, durante la quale i visitatori potranno ammirare le sculture dell’artista Walter Salin, e “Castagne e Marzemino”, dalle 18.00 alle 20.00 presso la Cantina Spagnolli dove verranno esposte le sculture dell’artista Claudio Passamani.

Conclusione della giornata presso la Casa del Vino della Vallagarina, dove alle 20.30 è in programma la cena “Il Marzemino nel piatto”, realizzata dagli studenti di Rovereto dell’Istituto di Formazione Professionale Alberghiero Rovereto Levico Terme.

La giornata di domenica, oltre ai wine tasting, dalle 10.00 alle 13.00 a Palazzo de Probizer, prevede l’attesissima premiazione del concorso La Vigna Eccellente, prevista alle 16.00 presso la Sala della Cooperazione di Isera, dove verranno annunciati i vincitori, che sono stati giudicati sotto il profilo agronomico, sanitario ed estetico/qualitativo da una giuria di qualità, presieduta dal professor Attilio Scienza. Un’occasione – ha segnalato il professor Scienzache non si deve limitare a valorizzare un vigneto, e quindi l’amore di un viticoltore, ma che può diventare preziosa cassa di risonanza per parlare di temi importanti per il mondo dell’agricoltura, come gli studi della genetica su resistenze e tolleranze”.

L’appuntamento sarà occasione per presentare un’iniziativa fortemente voluta dai giurati. “Visto che l’agricoltura è anche cultura – ha specificato il vicesindaco di Isera Franco Nicolodiabbiamo voluto arricchire il programma con la prima edizione del premio letterario dedicato a Francesco Graziola, membro storico della commissione, in qualità di rappresentante della Cassa Rurale di Isera, e grande amante della cultura e storia locali, venuto a mancare a novembre 2016. Un riconoscimento – ha aggiunto – volto a premiare chi valorizza il mondo del vino attraverso la scrittura”.

A chiudere la tre giorni, un momento di festa, organizzato dalla Cantina di Isera, con “Polenta conza e Marzemino“, alle ore 18.00 presso Piazzale Belvedere.

Questo evento ci consente di promuovere delle certezze sul territorio, come il Marzemino di Isera e il lavoro dei viticoltori – ha concluso Giulio Prosser, presidente dell’APT Rovereto Vallagarinain un periodo, dal punto di vista turistico, favorevole, al termine di un’estate molto buona e in attesa della stagione invernale con le sue attrattive. La Vigna Eccellente può diventare uno di quegli appuntamenti in grado di far crescere la Vallagarina nei prossimi anni”.

La manifestazione è possibile grazie al supporto di numerosi partner istituzionali e privati: Provincia Autonoma di Trento – Assessorato al turismo e all’agricoltura, APT Rovereto e Vallagarina, Cassa Rurale Vallagarina, BIM dell’Adige, Montura, Slow Food Vallagarina Alto Garda e operatori di Isera, tra cui Cantina d’Isera, Azienda Agricola Conti Bossi Fedrigotti, Cantina de Tarczal, Cantina Spagnolli, Casa del Vino della Vallagarina, Locanda delle Tre Chiavi, Panificio Moderno, Caseificio Sociale di Sabbionara, Azienda Agricola Biologica Debiasi Stefano e fa parte della rassegna “DiVin Ottobre – L’autunno colora la Strada del Vino e dei Sapori del Trentino”, kermesse di iniziative enogastronomiche che hanno luogo durante tutti i weekend di ottobre.

Per maggiori informazioni visitare: visitrovereto.it/vivi/eventi/la-vigna-eccellente.

#lavignaeccellente #trentinowinefest

 

Marzemino

Il vitigno Marzemino rappresenta una delle varietà più interessanti della vitivinicoltura trentina. Giunto in queste terre quando Venezia dominava i commerci in tutto l’Adriatico, è proprio in Vallagarina che, grazie ad un ambiente ideale e ad un clima subcontinentale, è cresciuto fino a diventare il grande vino di oggi. In particolare è nella zona di Isera e dei Ziresi che riesce ad esprimersi al meglio: è proprio qui che nasce infatti il Trentino D.O.C. Superiore Marzemino, un vino che risponde a standard qualitativi ancora superiori rispetto a quelli del Trentino D.O.C.

Assunto ad autoctono della terra trentina, è la terza varietà a bacca nera più prodotta sul territorio provinciale, con 30mila quintali annui (dati vendemmia 2016 – Consorzio Vini del Trentino).

Di colore rosso rubino, scuro con tonalità violacee, presenta aromi e fragranze di frutti di bosco con sfumature floreali di viola mammola, frammisti a note leggermente speziate e vagamente balsamiche.

 

 

 

 

 

 

Ufficio stampa Strada del Vino e dei Sapori del Trentino

Stefania Casagranda

press@stradavinotrentino.com | 393 9994515

CONDIVIDI