Si è chiusa con un grande successo di pubblico, turisti ed enoturisti, la 30^ edizione della Rassegna Müller Thurgau. Dal punto di vista tecnico, si sono registrate oltre 5000 degustazioni  presso le prestigiose sale di Palazzo Maffei  e nel giardino dei Tre Maestri  dove erano in assaggio anche gli ori e gli argenti premiati venerdì sera al 14° concorso internazionale,  presenti Roberto Bellini, vicepresidente AIS nazionale e Mariano Francesconi Presidente AIS Trentino.

L’evento che si è finalmente rivelato il prodotto turistico per eccellenza dell’estate cembrana ha proposto,  richiamando in Valle il meglio della stampa di settore, accanto ad appuntamenti tecnici  strettamente legati al vino e al territorio, un mix di esperienze davvero vincente.

Tutto esaurito alla degustazione “La Grappa di Müller Thurgau: Analisi e sensazioni “ tenuta dal dott. Sergio Moser della Fondazione Mach e ai due eventi dedicati al gemellaggio con la Comunità di San Patrignano.

Questi due progetti di solidarietà e beneficenza in particolare, hanno lanciato un messaggio davvero importante. In un contesto in cui solitamente sono la comunicazione e la commercializzazione a farla da padrone, l’invito a San Patrignano ha avuto un duplice significato: sociale e culturale. In una valle in cui la viticoltura viene definita eroica, viticoltura finalmente gratificata con l’assegnazione della sottozona “Valle di Cembra – Cembra”, è stato spontaneo dare valore al progetto di recupero dell’Azienda Agricola e della Cantina Vini dell’Associazione proprio per sottolineare come la terra può aiutare a riprendere in mano la propria vita. Una metafora che da secoli caratterizza il lavoro del contadino di montagna.

La Mostra è stata inoltre arricchita  da molte iniziative collaterali, dall’esposizione delle merlettaie del tombolo ai canti tradizionali cembrani, dalle visite guidate nel vigna delle Forche a cura di Cembra Cantina di Montagna alla new entry “Baite Aperte”,  tour enogastronomico  mirabilmente organizzato dal consorzio Cembrani Doc che ha visto la partecipazione di oltre 400 camminatori enoturisti provenienti da tutta Italia e dall’estero;  e ancora la “Cucina delle Donne Rurali”, esposizioni fotografiche e visite culturali alla Chiesa di San Pietro e al Castello di Segonzano… E’ stato inoltre un “evento nell’evento” l’ormai tradizionale “Simposio di Scultura” che per tutta la settimana ha proposto un percorso nel centro storico con laboratorio en plein air di 14 scultori di fama internazionale. Evento che ha vissuto il suo momento clou  con “Una serata speciale”  proposta dall’Ente turistico locale e dall’Amministrazione comunale di Cembra-Lisignago.  Animazione per bambini, musica jazz, pop e popolare hanno richiamato a Cembra il pubblico delle grandi occasioni.

Bilancio quindi altamente positivo con importanti anteprime proposte della Strada del Vino del Trentino nelle settimane precedenti la Mostra.

IL Comitato organizzatore,  guidato da Mattia Clementi  e composto da operatori ma anche da numerosi volontari è riuscito a catalizzare l’attenzione dei visitatori,  del territorio ma anche delle istituzioni che hanno potuto testare l’impegno di una intera valle che si pone l’obiettivo ambizioso di rafforzare e promuovere il prodotto enoturistico come volano dell’economia locale.

L’appuntamento è per il 2018!

 

 

#trentinowinefest #rassegnamuellerthurgau #atuttomueller

CONDIVIDI