banner_500x500px_SR2016-1Da venerdì 2 a domenica 4 settembre a Mezzocorona (TN), per festeggiare il Teroldego Rotaliano, tra degustazioni, spettacoli, musica, arte, sport ed animazioni per grandi e piccoli. Il vino simbolo del territorio sarà inoltre celebrato durante tutto il mese di settembre anche con la manifestazione “A tutto Teroldego”: un ricco calendario di degustazioni, menù a tema, visite in cantina e nei vigneti orientate a conoscere il principe dei vini trentini,  a cura della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino.

 

Torna anche quest’anno a Mezzocorona la manifestazione di fine estate più attesa del Trentino: il Settembre Rotaliano. Tre giorni di festa, da venerdì 2 a domenica 4 settembre, organizzati dalla Pro Loco di Mezzocorona per celebrare il territorio della Piana Rotaliana – che si estende a nord della città di Trento – e il suo vino più rappresentativo, il Teroldego Rotaliano.

Definito da sempre “il Principe dei vini trentini”, lo si potrà conoscere in tutte le sue declinazioni e sfumature presso il prestigioso Palazzo Conti Martini, situato nel centro del borgo e accessibile al pubblico solo nelle grandi occasioni, dove si svolgerà la XXVI edizione della mostra “Alla scoperta del Teroldego”: qui, le 17 cantine coinvolte proporranno in degustazione 28 etichette di Teroldego Rotaliano DOC, sia in self tasting – ovvero con assaggio libero ad un costo forfait di 20 euro per un vero e proprio percorso enologico di avvicinamento e approfondimento – sia attraverso la guida di un sommelier esperto che ne illustrerà le principali caratteristiche.

Inoltre, per appassionati o semplici curiosi, per il primo anno saranno a disposizione anche le grappe al Teroldego di 10 distillerie, proposte sia in purezza sia miscelate in inediti cocktail realizzati dal barman di fama internazionale Leonardo Veronesi, per nuove e intriganti esperienze di consumo.

Nel corso della tre giorni di kermesse, comunque, tutta la città di Mezzocorona subirà una vera e propria trasformazione, con allestimento di corner gastronomici, dove gli ospiti potranno degustare le più svariate proposte culinarie; percorsi di musica di qualsiasi genere, dal rock al folk fino al jazz e al sound anni ’50; spettacoli sia per adulti che per bambini, per i quali verranno organizzati, in particolare, giochi e laboratori dedicati.

Non mancheranno momenti di formazione a cura della Croce Rossa Italiana – con prove pratiche di disostruzione pediatrica, simulazioni di eventi sismici, dimostrazioni di tecniche di obbedienza e affezione dei cani – e incontri dedicati allo sport, come il raduno di arrampicata, le esibizioni di ginnastica ritmica e moderna e le dimostrazioni di karate. Tra le iniziative in programma, inoltre, presentazione di libri, mostre d’arte e una maratona fotografica. Programma completo su www.settembrerotaliano.it.

Le celebrazioni per il Teroldego Rotaliano proseguiranno poi durante tutto il mese di settembre, attraverso la manifestazione “A tutto Teroldego“, a cura della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino: un ricco calendario di degustazioni, menù a tema, visite in cantina e nei vigneti orientate a conoscere il principe dei vini trentini, abbinabile anche ad una serie di proposte vacanza studiate ad hoc, tra cui VendemmiAmo, iniziativa del Consorzio Turistico Piana Rotaliana Königsberg, che consente di vivere l’esperienza unica della vendemmia all’interno di alcune aziende vitivinicole. Info su bit.ly/aTuttoTeroldego.

 

 

 

Profilo manifestazione

L’evento è organizzato dalla Pro Loco di Mezzocorona con il fondamentale aiuto di oltre 500 volontari e il sostegno di istituzioni e sponsor del territorio.

www.settembrerotaliano.it

 

Profilo Teroldego Rotaliano

Il Teroldego Rotaliano è un vino autoctono che cresce nel cuore della Piana Rotaliana, fazzoletto di terra a nord di Trento che si estende per 45 ettari tra Mezzocorona, Mezzolombardo e San Michele all’Adige. Si tratta di un vino potente dalla classe inconfondibile, definito da sempre il “principe dei vini trentini”. Dal colore rosso rubino intenso con riflessi granati, d’intensità diversa a seconda della maturazione del vino, presenta un profumo molto fruttato che richiama frutti di bosco molto maturi come la mora, il mirtillo e il lampone. Il gusto è fine quanto possente, leggermente tannico, minerale e vivace, il sapore è asciutto, sapido e con un perfetto equilibrio tra piacevolezza e concentrazione.

CONDIVIDI